UTILIZZO DEI COOKIE

Il Vinaccio utilizza i cookie per garantire una migliore esperienza di navigazione sul sito.

Continuando ad usare i nostri servizi, accetti di utilizzare questi cookies.

Joseph Loriot-Pagel, lo Champagne da sei generazioni

Joseph Loriot-Pagel, lo Champagne da sei generazioni

Quando:
novembre 2017
Dove:
Festigny, Francia
Stefano Meloni
Stefano Meloni

Vignaioli per tradizione da più di 6 generazioni, l'azienda familiare Loriot-Pagel è radicata dalla fine del XIX secolo a Festigny, nella area Champagne-Ardenne.
L'azienda come la vediamo oggi, nasce con Léopold Loriot, figlio di Jules Léopold Loriot, enologo a Beaurepaire. Léopold fu uno dei primi a Champagne, a ricostruire la sua vigna durante la crisi della fillossera, piantando piantine di barbatelle innestate in linea. Infatti, dopo il servizio militare in Borgogna alla fine del XIX secolo, non appena tornò nella sua terra, fece i primi trapianti, riuscendo a ricostituire i suoi vitigni e a perpetuare la coltivazione che fa parte dell'identità di questa famiglia.

Fu però con Germain Loriot, figlio di Léopold, che si arriva ad una diffusione dei vini della cantina, grazie alla visione commerciale che ebbe negli anni 30, che lo portò ad ottenere una medaglia di vermeil per la qualità dei suoi vini.
Venne poi il turno di André Loriot, colui che sviluppò l'attività di gestione e commercializzazione negli anni '50, e che si è dedicò all'azienda con amore e rigore per più di quarant'anni

Arriviamo ai giorni nostri, e così conosciamo Joseph Loriot, l'erede da cui prende il nome la cantina e che crea il marchio "Champagne Joseph Loriot-Pagel".
Joseph si trasferisce nella tenuta di Festigny nel 1980 insieme alla moglie Odile Pagel, anche lei figlia di un vignaiolo nativo di Avize, che porterà all'azienda un fondamentale contributo, le “Grand Cru" situate nel cuore della Côte des Blancs.
Da settembre 2006 anche il figlio della coppia, Jean-Philippe Loriot, dopo aver completato gli studi professionali in ambito enologico e uno stage in Australia, decide di unirsi al business di famiglia, arrivando così alla sesta generazione.

Le varietà di uva dell'azienda sono distribuite in maniera molto uniforme lungo tutti i terreni di proprietà della famiglia:

Pinot Meunier (69%): un'uva che dona la tipica morbidezza e sfumature fruttate allo Champagne, conferendo grande freschezza e leggerezza.
Età media dei vigneti: 29 anni

Chardonnay 17%: L'unica varietà bianca di Champagne che si contraddistingue per eleganza e raffinatezza
Età media dei vigneti: 26 anni

Pinot Noir 14%: vitigno che dà la complessità dei vini, la vinosità e la potenza
Età media dei vigneti: 24 anni

Le diverse cru nel territorio dello champagne permettono all'azienda di incontrare differenti tipi di terreni: troviamo suoli ricchi di gesso nelle zone di Cramant, Avize e Oger; terreni calcarei con grandi concentrazioni di detriti sui pendii di Festigny e Mareuil; ed infine abbiamo concentrazioni di terracotta e calcare a Breuil.

Un team di cinque persone lavora a tempo pieno in vigna e nelle cantine, rafforzato da circa 20 dipendenti temporanei per il periodo di raccolta, processo eseguito interamente a mano, per rispettare e valorizzare al massimo la qualità dello Champagne.